Spese di spedizione e resi gratuiti local_shipping

CDK Master e Cains Moore per Pitti Filati

Knitwear design: i talenti del master di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna a Pitti Filati

CDK MASTER

Knitwear design: ecco i talenti da tenere d'occhio del master di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna che hanno presentato a Pitti Filati

In occasione di Pitti Immagine Filati n. 90, dal 2 al 4 febbraio 2022, i Final Work e gli Industry Project degli studenti del Master in Creative Knitwear Design di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna sono stati protagonisti dello special event ‘Knitwear Parade nel piazzale d’ingresso della Stazione Leopolda di Firenze. Il Master CKD giunto alla sua quinta edizione, rinnova la collaborazione con Pitti Immagine attraverso un “happening” innovativo, che promuove la creatività dei giovani designer e rinforza ogni anno la preziosa partnership tra le aziende del settore.
 

Chi sono i talenti del knitwear design?

Eleonora Belfiore, Giacomo Chicca, Angelia Corno, Pasquale De Lise, Magali De Moor, Mariaenrica Devoto, Maddalena Gentile, Francesca Guidozzi, Olga Kariakina, Martina Magri, Francesca Padalino, Angela Pea, Maria Roberta Pintus, Davide Panzeri, Chiara Taruschio, Mingyang Zhang: ecco i migliori studenti del Master in Creative Knitwear Design di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna.

Nella giuria che ha selezionato i lavori: Barbara Trebitsch (Director of Education di Accademia Costume & Moda), Sara Sozzani Maino (Head of Special Projects), Francesca Tacconi (Special Events Coordinator di Pitti Immagine), Giulia Piersanti (Design Director Knitwear W&M wear di Celine) e Antonio Marras (Owner and Creative Director di Antonio Marras).
Nessuna sfilata quest’anno ma un’installazione, la “Knitwear Parade”, nello spazio d’ingresso della Stazione Leopolda che ha visto protagonisti ben 78 look in maglieria, che rappresentano le collezioni finali e gli industry projects dei giovani designer del Master. Necessario e prezioso il sostegno alla filiera Made in Italy, con i suoi maglifici, filatori, laboratori e tutte le aziende che promuovono il “saper fare” italiano unico, tra tecnologia e artigianalità. Come ogni anno i Final Work e gli Industry Project degli studenti di CKD Master sono il risultato di una stretta collaborazione tra il mondo della Formazione e dell’Industria, che testimoniano uno strenuo percorso di generosità e scambio, di lungimiranza e dedizione.
Non potrebbe essere altrimenti: il file rouge che collega la storia e il carattere della fondatrice dell’azienda Miss Deanna Deanna Ferretti, e ancora di Modateca Deanna, nata dall’idea della figlia Sonia Veroni direttore del Master in Maglieria, con le produzioni dei creativi che partecipano al master e poi con aziende che sostengono il progetto, è un legame creato nel tempo con un lavoro incessante di ricerca e intuito, manualità, fatica e determinazione, elementi del dna di Deanna Ferretti Veroni.

E dietro i passaggi della vita dell’azienda Miss Deanna ci sono i decenni più esplosivi e visionari della moda italiana che proprio con il knitwear ha costruito una nuova trama che da sempre si distingue al primo sguardo e poi al secondo fino all’analisi del più piccolo particolare. Quando ci si trova davanti a un capo di Miss Deanna lo si sa, ancor prima di leggere un cartellino o vedere un logo. E se non è lei, è un suo erede, un suo collaboratore, uno stilista nato con lei o a cui lei ha aperto le porte del suo ‘laboratorio’.

La magia era al di là della porta del maglificio, dove la sapienza e l’esperienza prendeva vita, dove l’idea, la sperimentazione e l’entusiasmo diventavano creazioni uniche che le passerelle e le vetrine di tutto il mondo avrebbero visto solo molto più tardi alla fine di un processo che è rimasto tesoro per moltissimi creativi, si potrebbe dire quasi tutti.Tutto questo è quanto hanno la possibilità di vivere i talenti selezionati per il Master in Creative Knitwear Design, in una quotidianità che è studio, lavoro ma anche casa, casa di Sonia e Deanna, che già negli anni Ottanta facevano pranzare i designers più osannanti e riconosciuti nel ristorantino interno, tra una collezione di magazine unici e introvabili, schizzi e schedari infiniti. Citarne uno? Martin Margiela (gli altri non si offenderanno).

Da cinque anni Pitti Filati diventa il fulcro espositivo dei progetti degli studenti del master, realizzati grazie ad una collaborazione di Filiera, dove la Filiera stessa è protagonista e trasmette il suo know-how alle nuove generazioni, in uno scambio continuo tra professionalità e creatività.

Il master incarna il perfetto esempio di formazione realizzata per l’industria e con l’industria. Il Master in Creative Knitwear Design di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna è un’opportunità importante che permette di unire gli anelli della filiera italiana e che nasce grazie alla generosità e all’impegno di più di quaranta aziende del settore che partecipano a questo progetto formativo. Proprio nel mese di ottobre gli studenti del Master hanno presentato a una giuria di esperti i loro final work, che verranno realizzati in collaborazione con i Partner del Master e che saranno presentati in uno speciale evento il prossimo anno.
 

I progetti realizzati in collaborazione con maison e aziende manifatturiere, parte integrante del percorso accademico, presentati per questa edizione sono:

  • Ermanno Scervino, progettato da Davide Panzeri;
  • Etro progettato da Giacomo Chicca, Pasquale De Lise, Francesca Guidozzi, Francesca Padalino, Chiara Taruschio, Mingyang Zhang;
  • Max Mara Fashion Group Industry Project: Max Mara, progettato da Angela Pea; Max Mara Leisure, progettato da Mariaenrica Devoto; MAX&Co., progettato da Francesca Guidozzi; Marina Rinaldi, progettato da Angelia Corno; Sportmax, progettato da Giacomo Chicca.Per i Final Work, queste le aziende coinvolte per l'edizione 2020 dell'evento: Art Design, Artemaglia Fashion, Blu Di Prussia, Botto Giuseppe, Cariaggi Lanificio, Casa del Filato, Corazzari Maglierie, Crisden, Della Rovere, Divina Mode, Emilcotoni, Filati Be.mi.va, Filati Biagioli Modesto, Filpucci, Iafil, Igea, Ilaria Manifattura Lane, Imax, Innocenti, Lanificio dell’Olivo, Lineapiù Italia, LFG Linking Fashion Group, Loma, Maglificio Loredana, Maglificio Marilina, Manifattura Sesia, Mas, Mely’s, Metaphor, Millefili, MRC Knitwear, Servizi e Seta, Shima Seiki Italia, SMT, Staff Ricami, Stamperia Europa, STOLL, Tintoria Rosta Nuova, Tollegno 1900, Toscano, Volcar, Zanni Maglieria, Zegna Baruffa Lane Borgosesia. Per gli Industry Project, le aziende coinvolte sono state invece: Filati Be.mi.va, Ermanno Scervino, Etro, Max Mara Fashion Group.
(ARTICOLO COMPLETO SU VOGUE.IT)
Pubblicato:
Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy.
Chiudendo questo banner con la crocetta o cliccando su "Rifiuta", verranno utilizzati solamente cookie tecnici. Se vuoi selezionare i cookie da installare, clicca su "Personalizza". Se preferisci, puoi acconsentire all'utilizzo di tutti i cookie, anche diversi da quelli tecnici, cliccando su "Accetta tutti". In qualsiasi momento potrai modificare la scelta effettuata.